Domande frequenti

06. Sono esenti i servizi di riabilitazione resi da una S.p.a?
L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

In materia è intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 119/E del 28 maggio 2003: le prestazioni sanitarie di riabilitazione, rese alla persona da una S.p.A attraverso operatori qualificati dipendenti dalle cooperative socie, sono esenti da iva ex art. 10.18 DPR 633/72.
Una volta verificato che la S.p.A si avvale di operatori qualificati che possiedono il requisito soggettivo dell'esenzione (le prestazioni devono essere rese da un operatore elencato tra quelli espressamente indicati nei decreti di esenzione IVA: ad esempio, i cosiddetti "pedagogisti clinici", come i "counsellor" non psicologi, non sono abilitati a fornire prestazioni esenti IVA), e che sussiste il presupposto oggettivo (prestazioni finalizzate alla diagnosi, cura o riabilitazione della persona), l'Agenzia delle Entrate ritiene che l'esenzione sussiste a prescindere dalla forma giuridica del prestatore.


 Ultimo aggiornamento Thu 11 Feb 2016 10:26

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!