Domande frequenti

02. Uno psicologo che ha aperto partita IVA ed è iscritto all'ENPAP cosa deve pagare?
L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

In materia in via generale si rinvia alle informazioni contenute nel sito internet dell’Enpap che risultano continuamente aggiornate e forniscono ampie delucidazioni in materia tuttavia si segnala quanto segue. L’iscrizione all’Enpap comporta il versamento dei contributi soggettivo, integrativo e di maternità.

Il contributo soggettivo, costituisce il montante pensionistico ed è pari al 10% del reddito netto professionale ai fini IRPEF con un minimo annuale pari a E 780,00. A scelta, l’iscritto può versare aliquote maggiori:14%, 16%, 18% o 20%. Sono previste delle riduzioni in presenza di particolari condizioni.

Il contributo integrativo è a carico di coloro che ricevono le prestazioni del professionista. E’ pari al 2% dei corrispettivi lordi con un minimo annuale pari ad E. 60,00.

Il contributo di maternità è dovuto da tutti gli iscritti a prescindere da età e reddito e ha la funzione di costituire un fondo per l’erogazione delle indennità di maternità alle iscritte libere professioniste.

Per l’anno 2012 è fissato in euro 130,00.
I contributi vanno versati:
- in acconto entro il 1 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento;
- a saldo entro il 1 ottobre dell’anno successivo a quello di riferimento.


 Ultimo aggiornamento Thu 16 Jul 2015 14:14

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!