Domande frequenti

09. Lo psicologo che apre partita iva deve comunicare i dati ai sensi del D.L. 16/2012?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Ai sensi D.L. 16/2012, tutti i soggetti passivi IVA sono obbligati a comunicare esclusivamente in via telematica, all'Agenzia delle Entrate i dati riguardanti le operazioni attive e passive effettuate con ciascun cliente e fornitore. Sono esonerati dalla suddetta comunicazione i contribuenti che si avvalgono del regime fiscale di vantaggio ai sensi del D.L. 98/11 Per le operazioni per le quali non ricorra l’obbligo di emissione della fattura, la comunicazione è dovuta soltanto se le operazioni stesse siano di importo superiore ad euro 3.600 al lordo dell’IVA applicata (ad esempio, le operazioni documentate a mezzo ricevuta fiscale o scontrino fiscale).
Nella comunicazione debbono essere indicati la data dell’operazione resa o ricevuta, l'indicazione della partita IVA o del codice fiscale del cedente/prestatore e del cessionario/committente, l'importo delle operazioni effettuate.
La comunicazione deve essere inviata telematicamente entro il 30 aprile dell’anno successivo a quello di riferimento.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!