Domande frequenti

06. Quando emettiamo fattura il cliente può detrarre le spese per prestazioni psicologiche nella denuncia dei redditi?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Le spese per prestazioni psicologiche rese in ambito sanitario, come confermato dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n° 20/E del 13/05/2011, essendo spese per prestazioni sanitarie vere e proprie, sono oneri detraibili dalla dichiarazione dei redditi (Mod.730 o Mod. Unico). Ai fini della detrazione non è necessaria la prescrizione medica. Sono detratte dall'imposta da pagare nella misura del 19% della spesa complessiva con una franchigia di euro 129,11. Particolare attenzione meritano le spese sostenute in questo ambito dai soggetti portatori di handicap in quanto hanno la possibilità di detrarre una quota maggiore rispetto agli altri contribuenti.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!