Domande frequenti

03. Ci sono casi in cui l'Agenzia delle Entrate ha presentato, dopo sentenza di primo e secondo grado favorevoli al contribuente, ricorso presso la Corte di Cassazione per la questione del pagamento dell'Irap?
Ultimo aggiornamento 4 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Al momento, fra i ricorsi da noi eseguiti al fine di ottenere il rimborso dell'Irap versata, non abbiamo alcun caso in cui l'Agenzia delle Entrate abbia fatto ricorso in Cassazione. Ci sono però dei casi in cui il ricorso in Cassazione da parte dell'Agenzia delle Entrate ha avuto esito favorevole al contribuente. A titolo esemplificativo si segnala la sentenza della Corte di Cassazione del 5 novembre 2004, n. 21203.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!