Domande frequenti

06. Associazioni riconosciute e non riconosciute qual è la differenza?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Le associazioni dal punto di vista civilistico possono essere di due tipi: riconosciute, dotate cioè di personalità giuridica e non riconosciute prive della stessa. La differenza sostanziale consiste nella responsabilità sociale e dei soci verso le obbligazioni assunte dall’associazione nei confronti dei terzi. Infatti l'associazione riconosciuta, per le obbligazioni dalla stessa assunte, risponde esclusivamente col proprio patrimonio, e pertanto esclude da qualsiasi responsabilità i singoli soci. Mentre l’associazione non riconosciuta, per le obbligazioni dalla stessa assunte, risponde col proprio patrimonio ed in solido con quello delle persone che hanno agito in nome e per conto della stessa, ovvero i suoi amministratori o soci. Pertanto i creditori di un'associazione non riconosciuta potranno pretendere l'intero credito indifferentemente dall'associazione o da coloro che hanno contratto l'obbligazione in nome e per conto dell'stessa, cioè i suoi amministratori o soci. Va precisato che per quanto riguarda le associazioni di promozione sociale, di cui alla Legge n. 383/2000, viene previsto un particolare regime per le associazioni non riconosciute iscritte nei pubblici registri, in base al quale, vige il principio di sussidiarietà e cioè prima la rivalsa sul patrimonio dell'associazione e poi su quello degli amministratori o dei soci.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!