Domande frequenti

08. Un'associazione può deliberare compensi a favore degli Organi sociali ?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Per le associazioni di volontariato questa possibilità è preclusa in quanto la gratuità dell’operato dei soci e pertanto anche degli organi sociali è elemento distintivo dell’agire volontario. Per le associazioni di promozione sociale iscritte al Registro ai sensi della Legge 383/00 esistono dei limiti al ricorso a lavoro retribuito. La possibilità di remunerare un socio è circoscritta in quanto deve essere garantito che lo svolgimento complessivo delle attività istituzionali venga realizzato attraverso la prevalenza del lavoro svolto a titolo gratuito dai propri associati sul lavoro eventualmente retribuito, inoltre il ricorso a lavoro retribuito deve avvenire solo in caso di particolare necessità, pertanto la previsione di un compenso a favore degli organi sociali per l'operato svolto è difficilmente configurabile nel caso di particolare necessità e quindi è da ritenersi escluso.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!