Domande frequenti

10. Tenuta contabile, Rendiconto o Bilancio ?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

In merito alla tenuta della contabilità dell’associazione, rileva l’esercizio o meno di un attività di natura commerciale e il possesso di P.IVA. Pertanto se un associazione non svolge questo tipo di attività anche in modo secondario, e svolge solo attività istituzionale, può tenere delle annotazioni finanziarie (entrate e uscite) elaborando a fine anno un prospetto riepilogativo chiamato rendiconto finanziario. La stessa ha comunque facoltà di tenere una contabilità economico/patrimoniale. Se invece un associazione svolge, anche in modo secondario, un’attività commerciale, è obbligata alla tenuta della contabilità economico/patrimoniale, alla conseguente tenuta dei registri contabili e fiscali (IVA) ed alla stesura, a fine anno, di un Bilancio economico/patrimoniale. I documenti giustificativi e di supporto dovranno comunque essere conservati ai fini fiscali e civilistici per almeno dieci anni.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!