Domande frequenti

03. E’ possibile adibire a studio una parte della propria abitazione?
Ultimo aggiornamento 4 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

Questa è una domanda molto frequente alla quale la risposta ufficiale è che un’abitazione con categoria catastale A2-3-4 non è può essere adibita esclusivamente allo svolgimento di un’ attività professionale, per la quale necessita categoria catastale A10 (Ufficio). In tal senso si dovrà richiedere modifica catastale dell’immobile. Infatti, ad esempio, l’affitto di un immobile con destinazione ad abitazione civile/residenziale, ad esclusivo uso di ufficio o studio professionale, non è legittimo.

Diverso è il caso dell’uso promiscuo Abitazione-Studio dove l’orientamento giurisprudenziale sembra confermare la possibilità di utilizzo degli immobili con destinazione urbanistica ad abitazione, senza necessità di richiedere la variazione catastale in A10. Tanto più ove – come sembrerebbe – il carico urbanistico non consenta il cambio di destinazione. Per uno studio professionale privato non sono richiesti specifici requisiti strutturali. Certamente è preferibile avere due locali, uno da adibire a sala di attesa, e adottare le misure necessarie ad assicurare la custodia dei documenti dei clienti e il rispetto della privacy.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!