Domande frequenti

06. E’ possibile svolgere l’attività di psicologo presso lo studio di un medico di base o libero professionista?
Ultimo aggiornamento 5 anni fa

L’Ordine non si assume alcuna responsabilità per quanto riguarda la veridicità, l’esattezza e l’esaustività dei contenuti di carattere tecnico riferibili ai documenti presenti sul sito. Sono altresì escluse, in capo all’Ordine, le responsabilità che si riferiscono a danni morali o materiali causati dall’utilizzo di informazioni contenute nel sito che risultino eventualmente errate e/o incomplete. Nel caso venissero riscontrati errori o omissioni all’interno del documento pubblicato, l’Ordine si impegna, ove tempestivamente segnalati, a rimetterne il vaglio al professionista, autore del documento pubblicato.Le clausole sopra indicate non sono finalizzate ad escludere in alcun modo gli obblighi di legge e, in conformità con le norme sul diritto d’autore, mirano a garantire l’identificazione dell’autore del documento.

E’ possibile per uno psicologo svolgere la propria attività presso lo studio di un medico di base, ai sensi dell’ art.36 dell’ Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale ai sensi dell’art.8 del D.Lgs n.502/1992 successive modificazioni ed integrazioni, purchè le due attività restino tra loro indipendenti. Analogamente è possibile la coesistenza nello studio professionale di uno psicologo e di un medico libero professionista che effettua prestazioni a "minore invasività", per le quali non vi è obbligo di preventiva autorizzazione. Diversamente se il medico effettua prestazioni a maggiore invasività e, pertanto, soggette ad autorizzazione, lo studio medico dovrà avere un ingresso indipendente e dovrà essere eliminata ogni comunicazione tra le due strutture. Infatti in base al summenzionato accordo collettivo “se lo studio è ubicato presso strutture adibite ad altre attività non mediche o sanitarie soggette ad autorizzazione, lo stesso deve avere un ingresso indipendente e deve essere eliminata ogni comunicazione tra le due strutture”. Le attività sanitarie soggette ad autorizzazione sono individuate dalle singole Regioni. Per la Regione Lazio si può fare riferimento alla L.R.n°4/2003, art.4 comma 2: “Sono soggette all’autorizzazione all’esercizio, altresì, le attività di assistenza domiciliare, gli studi odontoiatrici, medici e di altre professioni sanitarie, ove attrezzati per erogare prestazioni di chirurgia ambulatoriale, ovvero procedure diagnostiche e terapeutiche di particolare complessità o che comportino un rischio per la sicurezza del paziente, nonché le strutture esclusivamente dedicate ad attività diagnostiche”.

Non è necessaria alcuna comunicazione al Comune di competenza, anche in caso di locazione, per la quale si provvederà solamente ad adempiere agli obblighi fiscali di registrazione del contratto.

Attendi!

Per favore attendere... ci vorrà un secondo!